Vetro boemo: i grandi maestri

A cura di Caterina Tognon e Sylva Petrová

La prossima mostra a LE STANZE DEL VETRO sarà dedicata al vetro boemo dopo la seconda guerra mondiale e presenterà le opere di sei grandi maestri della scultura contemporanea in vetro: Václav Cigler, Vladimír Kopecký, Stanislav Libenský e Jaroslava Brychtová, René Roubíček e Miluše Roubíčková

La prossima mostra organizzata a LE STANZE DEL VETRO sarà Vetro boemo: i grandi maestri, curata da Caterina Tognon e Sylva Petrová, e aprirà al pubblico sull’Isola di San Giorgio Maggiore dal 14 maggio al 26 novembre 2023. L’esposizione intende raccontare l’emancipazione, dopo la seconda guerra mondiale, del vetro in Boemia (l’attuale Repubblica Ceca) dalla tradizionale categorizzazione di arte applicata e decorativa a un utilizzo per la realizzazione di importanti sculture astratte.

In seguito al conflitto mondiale, le travagliate condizioni politiche, sociali ed economiche che perdurarono in Cecoslovacchia sino alla caduta del regime socialista nel 1989, spinsero numerosi artisti a dedicare le proprie ricerche all’ambito artigianale del vetro. Le opere, prodotte nelle fornaci con le maestranze del territorio, furono presentate dal governo comunista cecoslovacco in eventi internazionali quali Expo, Biennali e Triennali.

A partire dalla presa del potere da parte del Partito comunista nel 1948 e con l’imposizione in Cecoslovacchia di un modello estetico basato sul realismo socialista, un folto gruppo di artisti si dedicò invece allo studio di caratteristiche e potenzialità del medium-vetro, a cui vennero applicati procedimenti tecnologici innovativi, forme evolute, ma soprattutto concezioni artistiche contemporanee.

La mostra Vetro boemo: i grandi maestri si concentrerà sulle opere di sei artisti pionieri della scultura contemporanea – Václav Cigler, Vladimír Kopecký, Stanislav Libenský e Jaroslava Brychtová, René Roubíček e Miluše Roubíčková – nati in Boemia nelle prime decadi del secolo scorso e primi a studiare e utilizzare il vetro per creare sculture, vetrate, architetture, installazioni e lavori site-specific, indirizzando inoltre a questo medium molte giovani generazioni attraverso un’intensa attività educativa all’interno di scuole professionali e Accademie d’Arte.

La mostra chiuderà con venti fotografie di Josef Sudek (Kolín 1896–1976 Praga) della serie Glass Labyrinth, scattate in occasione della mostra Vetro Boemo Contemporaneo, organizzata a Praga nel 1970 per il V congresso dell’AIHV – Association Internationale pour l’Histoire du Verre -. Sudek, spesso nominato “il poeta di Praga”, reinterpreta con il suo straordinario punto di osservazione l’intrinseca relazione tra il vetro e la luce delle opere di questa importante, storica esposizione.

Vetro boemo: i grandi maestri sarà realizzata in collaborazione con UPM Uměleckoprůmyslové Museum di Praga.

Stanislav Libensky e Jaroslava Brychtova, Head, 1957-58, courtesy UPM, Praha

Miluše Roubíčková, Head, unique piece, blown glass, courtesy Artist's heirs, ph G Urbanek