La cristalleria “Franchetti” a Murano

Carrello

Il vostro carrello è vuoto
Visitate il negozio

Continua gli acquisti
+
-
25,00 €
Loading Aggiornamento carrello...

Il Barone Raimondo Franchetti, uno degli uomini più ricchi nell'Italia dell'800, acquistò lo stabilimento della Vetreria Veneziana in Murano. La produzione consisteva in servizi da tavola in cristallo e vetro bianco d'uso comune e, con la morte del Barone (1905), la Vetreria entrò a far parte della Società anonima Cristallerie e Vetrerie Riunite. Nel 1912 diventarono Cristalleria e Vetreria Veneziana, già Franchetti e infine, nel 1919, Cristalleria Murano. Si costruì a Murano un edificio di 4.000 metri quadri per lo sviluppo dell'attività e, nel 1923, si rese indispensabile fondare a Treviglio un nuovo stabilimento per la produzione di strumenti scientifici. I due stabilimenti (Treviglio e Murano) davano lavoro a 1.200 operai.
Con la fine degli anni '40 inizia la grande crisi causata dalla concorrenza della nascente industria di materie plastiche, negli anni '60 la chiusura definitiva della fabbrica. Questo libro è dedicato alla storia di questa azienda, conclusasi quasi cinquanta anni fa, ma gli elementi di attualità di una storia di impresa, che si intreccia con quella di personaggi meritevoli di non essere dimenticati, sono molteplici.
Il lettore è accompagnato in un mondo suggestivamente demodé, complice anche uno stile narrativo che riproduce quello delle cronache giornalistiche dell'epoca, abbondantemente e fedelmente riportate.

Editore: Il Prato
Lingua: Italiano

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>