DOMUS 319|Giugno 1956

Carrello

Il vostro carrello è vuoto
Visitate il negozio

Continua gli acquisti
+
-
100,00 €

Sold Out

Gio Ponti [Direttore Editoriale]: DOMUS 356. Milano, Editoriale Domus: Luglio 1959. Edizione originale.

A Barcellona: Federico Correa & Alfonso Mila, Felix Candela
Due scuole svedesi: Bo Bousted & Hans Erland Heineman
Una sede a Milano: Angelo Mangiarotti e Bruno Morassutti
Due uffici: Vittorio Gregotti, Ludovico Meneghetti e Giotto Stoppino
In California: Greta Magnusson Grossman
Hillside Unità: Carl Maston
Un made Camino di fabbrica: Wendell Lovett
Appartamento Per 2 Architetti: Vito Latis e Margareta Tingdal Latis
Bent-compensato Mobili: Gianemilio, Piero & Anna Monti
Un nuovo Apartment House: Carlo Paccagnini, Ernesto Bianchi
Quattro Elementi: Torsten Johansson
Il futuro della Pittura: Gio Ponti
Introduzione al Giappone Attilio Rossi
Vetro, legno e argento: Tapio Wirkkala
Modelli per i tessuti: Ciuti, Gaspari, Tessari, Bice Lazzari e Prampolini
Giorgio Morandi: Leo Lionni
Akari Lampade: Isamu Noguchi e altro.

A lungo considerata  la più influente rivista di design e architettura in Europa, Domus è stata fondata da Giò Ponti nel 1928 come un "diario vivente" in cui avrebbe potuto pubblicizzare il proprio lavoro, delineare gli "obiettivi" dei suoi progetti e sensibilizzare i cittadini su altri problemi di progettazione. Chiamato il "Megafono Mediterraneo," Domus ha lodato la produzione di massa e ha cercato di collegare l'architettura e gli artigiani in modi nuovi e imprevisti. Ponti ha lasciato Domus nel 1940 per iniziare altro suo giornale, Stile in cui poteva concentrarsi sull'arte e l'impatto della guerra sugli architetti e sull'architettura italiana. Nel 1948 tornò a Ponti Domus, dove ha rifondato la propria eclettica, esuberante visione dei progetti moderni e instancabilmente difeso chi ammirava, in particolare Carlo Mollino.

9.75 x 12.75 rivista d'epoca con 56 [iv] pagine stampate su una varietà di tipi di carta di esempi in bianco e nero [e alcuni colori] del miglior design d'interni e industriale moderno.

Editore: Domus

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>